LA NOSTRA PRIMA VOLTA IN UNA MONTAGNA DI PACE

Sei in://LA NOSTRA PRIMA VOLTA IN UNA MONTAGNA DI PACE

La nostra prima volta fuori regione, in Calabria, ci ha travolto davvero. La Montagna di Pace è uno di quegli eventi autentici, totalmente autofinanziato, costruito dal basso dai volontari di Rivientu che con dedizione e impegno raccolgono intorno ai ruderi dell’Abbazia di Corazzo a Carlopoli decine e decine di associazioni provenienti da tutta la regione.

892e38c1-da0b-4cf5-b169-ccc8c4476ec6

È un luogo magico questo, maestoso e accogliente: ruderi millenari sopravvissuti a terremoti e intemperie che siedono in questa vallate verde. In questi giorni abbiamo sentito molto parlare dell’anima dei luoghi e non abbiamo dubbi sul fatto che qui sia ancora viva perché, come recita una poesia di Felice Mastroianni che ci hanno regalato “Non sono fantasmi vani le fate del tuo monte”.

1

In questi due giorni siamo stati travolti soprattutto da un grande abbraccio collettivo: fin da subito siamo diventati parte di una famiglia allargata di persone che con spirito visionario, nonostante le difficoltà e le fatiche, hanno creato uno spazio aperto di confronto, dialogo e di cultura vera in cui esprimersi liberamente e costruire contenuti collettivi. Oltre 50 associazioni provenienti da tutta la regione hanno sfidato caldo e tornanti per raggiungere questa zona un po’ sperduta dell’entroterra calabrese e parlare insieme di accoglienza, paesaggio e territorio, creatività, economia solidale, mobilità sostenibile, reti associative. Un luogo aperto di discussione e confronto in cui mettersi in gioco e proporre idee e soluzioni su “come restare in Calabria”.

2

Non è mancato il buon cibo, con gli stand di alcuni produttori locali, il panino con salsiccia e la pasta al sugo cucinata sul momento dai ragazzi dell’organizzazione, il buon vino e la birra artigianale Solid ale beer, un micro birrificio che si occupa della produzione di birra in stile British Ale con l’ausilio di ragazzi e ragazze con sindrome di Down.

3

E non solo. Convegni, escursioni nel bosco, spettacoli al tramonto nel chiostro, musica dal vivo e dj set fino a tarda notte, per celebrare la voglia di seminare un futuro migliore per il nostro Sud.

4

5

Noi di Ecofesta abbiamo contributo a questo importante processo con il nostro lavoro, supportati da Alessandro e Ali, due motivatissimi volontari messi a disposizione dall’organizzazione per gestire al meglio la raccolta differenziata.

7

6

Un lavoro di squadra che ci ha permesso di trasformare 28,1 kg di rifiuto organico in compost e salvare dalla discarica 184,8 kg di vetro, 23,8 di plastica, 14,5 kg di carta e cartone e 4,6 di metalli. Abbiamo salvato, inoltre, 36 bottiglie da 75cl come vuoto a rendere. Infine, Abbiamo anche acquistato 450 kWh di energia verde per compensare le emissioni prodotte durante l’evento.

98

Abbiamo conosciuto una Calabria multiculturale, viva, piena di idee e valori e soprattutto popolata da persone autentiche, sorrisi e voglia di fare.

Grazie di tutto, di cuore!

By | 2017-07-25T12:50:29+00:00 luglio 6th, 2017|News da Ecofesta Puglia|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment